Informazioni sulle piscine e su come manterere il vostro giardino

Manutenzione della piscina: le alghe

Manutenzione della piscina: le alghe
Clicca per ingrandire
Uno dei principali problemi che possono occorrere ai possessori di una piscina, sia che si tratti di un modello interrato o di una fuori terra, è la formazione di alghe nell'acqua.

Le alghe sono forse il problema di qualità dell'acqua della piscina più immediatamente visibile, anche se la loro presenza non rappresenta un problema diretto per la salute. D'altro canto, le alghe forniscono nutrienti per i batteri che possono così moltiplicarsi rapidamente, causando anche serie malattie.

Inoltre quando nell'acqua cominciano a formarsi alghe, il cloro viene consumato rapidamente così come il diossido di carbonio, aumentanto il pH, fattore che contribuisce a ridurre l'efficacia del cloro libero rimasto nell'acqua.

Inoltre, la presenza di alghe può rendere terribile a vedersi l'acqua di una piscina, che può diventare opaca e verde, con un odore di putrefazione decisamente poco piacevole. Inoltre le alghe nere possono macchiare permanentemente le superfici con cui entrano a contatto, comprese le pareti ed il fondo della piscina.

Occorre quindi tenere sotto controllo la crescita delle alghe, cercando di prevenirne la formazione con trattamenti d'urto appena se ne nota la più piccola presenza. Uno dei sistemi più usati è il trattamento shock con il cloro, anche se in commercio esistono numerosi prodotti specifici per combattere la presenza di alghe.

I principali tipi di alghe presenti nelle piscine sono:

- alghe verdi: si tratta di alghe che solitamente galleggiano nell'acqua della piscina, ed hanno una crescita molto rapida. Spesso la formazione avviene in sole 24 ore, anche se le avvisaglie sono date da una consistenza scivolosa sui bordi della piscina e da u consumo anomalo di cloro.

- alghe gialle: sono contraddistinte dalla formazione di una pulvere giallognola sul fondo della piscina, più spesso sulla parte in ombra o penombra. Si tratta di alghe molto resistenti all'impatto con il cloro, che possono sopportare addirittura a concentrazioni di 5 ppM.

- alghe nere: sono formazioni di dimensioni fino a 3 cm di diametro nere, sulla superfice cell'acqua. La struttura di queste alghe è formata da diversi strati, ed il cloro è solitamente in grado di uccidere solo lo strato superficiale, che una volta morto protegge gli strati inferiori.

Data pubblicazione: 02 febbraio 2010
 
STRUMENTI
  Stampa l'articolo
Invia ad un amico  Invia per email

NAVIGAZIONE
Home
   Piscina